Skip to content

io, il 17, ero a vicenza…

ora che ho distolto l'attenzione dai media posso scherzare ed essere semplicemente felice di vedere l'alba con il sorriso sulle labbra, e' andato tutto bene, e come direbbe V for vendetta (ho visto oggi il film) "una rivoluzione senza un ballo e' una rivoluzione che non val la pena di fare"

io, il 17, ero a vicenza contro il dal molin base militare... pirate disegno a matita pennello pennarello acrilico

3 Comments

  1. socioweb wrote:

    Ti invito a leggere un mio commento, prego

    martedì, febbraio 20, 2007 at 2:44 pm | Permalink
  2. pirate wrote:

    non che sia male, ma a scuola mi avrebbero detto “ti sei ripreso alla fine, ma sei andato fuori tema”(non per il post, ma per i commenti).
    se vuoi postare il mio post (scusa, ma non ti do i miei dati personali perche’ tu possa trattarli,capisco che è magari solo perche’ vuoi essere libero dallo spam, pero’ ascolta quello che dico, non ho voglia che qualcuno poi mi dica che non sono abbastanza vecchio/giovane per parlare, o perche’ abito in questo posto non posso parlare di altri posti, ecc.), quindi in particolare riguardo all’ultimo commento di napolino:
    sono contrario al referendum a vicenza (il primo che e’ stato proposto, e’ stato modificato fino a rischiare di rivelarsi un autogol per il movimento). sono contrario a qualsiasi tipo di delega (ok, il referendum e’ la cosa piu’ simile alla democrazia diretta che questo sistema puo’ offrirci), ma si darebbe come sempre ai media l’opportunita’ di manipolare le opinioni prima del voto. senza contare: tutti dovrebbero andare a votare?o solo quelli di caldogno?tutta la provincia?il gioielliere o il tabaccaio di malo o di schio dovrebbero dire la loro?bisogna che parlino solo gli interessati o tutti quelli che parlano per ideologie…
    credo che le basi militari non siano da fare. se ci rimettessimo al sistema del voto dovremmo accettare quello che il governo decide. se avessimo seguito il voto non avremmo visto un’altra vicenza, (festosa, con tanti contenuti, viva, solare e pacifica) per neanche un giorno. cosi’ non e’ stato, e cosi’ spero che continui.

    martedì, febbraio 20, 2007 at 3:00 pm | Permalink
  3. Anonimo wrote:

    grazie per aver ricordato v per vendetta, film beisimo, e la frase attribuita a emma goldman, anarchica americana di origine lituana, che disse “se non posso ballare questa non è la mia rivoluzione”.
    sembra che abbia pronunciato questa frase o una simile quando, in un’occasione di festa, un “compagno”(ma compagno de chi?) la rimproveró perché ballava, ricordandole che doveva dimostrare serietà visto il suo ruolo nella rivoluzione. ma la mia rivoluzione è la rivoluzione della danza che seppellirà tutti i seriosi….

    lunedì, febbraio 26, 2007 at 12:17 pm | Permalink